A+ A A-
  • Categoria principale: ROOT
  • Visite: 2284

Registro Tumori Umbro di Popolazione (R.T.U.P)

Il controllo delle patologie neoplastiche rappresenta una componente fondamentale della lotta ai tumori, perseguita in tutto il mondo e resa possibile grazie all’opera dei Registri Tumori (RT) presenti in tutte le nazioni avanzate e riuniti nella International Association of Cancer Registries (IARC) a livello mondiale. I Registri tumori sono strutture impegnate nella raccolta di informazioni multidisciplinari sui pazienti oncologici e sulle neoplasie presenti in un determinato territorio.

L’Umbria è stata la prima regione ad attivare il Registro Tumori nel nostro Paese: istituito nel 1993 presso l’Osservatorio epidemiologico della Regione dell’Umbria e dato in gestione al Dipartimento di Igiene, dell’Università degli studi di Perugia. Accreditato nel 1998 da una specifica commissione dell'Associazione italiana dei registri tumori (AIRTUM), oggi ha sede presso l'Università degli studi di Perugia, Dipartimento di Medicina Sperimentale, sezione di sanità pubblica.

Il Registro Tumori Umbro di Popolazione (RTUP) partecipa a progetti di ricerca collaborativi come EUROCARE, studio sulla sopravvivenza e sulla cura dei pazienti oncologici in Europa, CONCORD, analizza i trend e le differenze di sopravvivenza globali, EPICOST, studio sull’impatto economico dei tumori sui sistemi sanitari regionali, IMPATTO, per la valutazione degli screening oncologici programmati, RITA, studio dei tumori rari, ed infine LUME, prevede lo studio dei pazienti con diagnosi di mesotelioma che sono “lungo sopravviventi” ovvero ancora vivi dopo 3 anni dalla diagnosi.

 

 

Area di registrazione 

Il Registro Tumori Umbro di Popolazione (RTUP) copre la popolazione dell'intera Umbria.

L'Umbria è una piccola regione dell'Italia centrale, divisa in due province: Perugia e Terni. L'area totale é di 8456 km2 e La densità demografica sul territorio regionale è pari a 104,7 abitanti per km2, circa la metà del valore medio nazionale (201,1 abitanti per km2).

La popolazione residente in Umbria al Censimento 2011, rilevata il giorno 9 ottobre 2011, è risultata composta da 884.268 individui, mentre alle Anagrafi comunali ne risultavano registrati 908.402. Si è, dunque, verificata una differenza negativa fra popolazione censita e popolazione anagrafica pari a 24.134 unità (­2,66%). Per eliminare la discontinuità che si è venuta a creare fra la serie storica della popolazione del decennio intercensuario 2001­-2011 con i dati registrati in Anagrafe negli anni successivi, si ricorre ad operazioni di ricostruzione intercensuaria della popolazione.

 

Variazione della popolazione residente in Umbria dal censimento 2001 al censimento 2011

ProvinciaCensimento
21/10/2001
Censimento
9/10/2011
Variazione %
Perugia 605.950 ab. 655.844 ab. +8,2%
Terni 219.876 ab. 228.424 ab. +3,9%
Totale 825.826 ab. 884.268 ab. +7,1%

 

In Umbria la popolazione femminile è pari a 424.966 residenti, pari al 52% del totale. Nella regione si riscontra un'incidenza della popolazione femminile uguale a quella dell'Italia centrale e solo di poco superiore a quella media nazionale, pari al 51,6%. La provincia di Terni si caratterizza per una maggiore presenza della componente femminile, che rappresenta il 52,4% del totale, contro il 51,9% della provincia di Perugia. La popolazione che supera i 65 anni rappresenta il 24.6% del totale. La popolazione e' stabile, con un lento aumento causato dall'immigrazione, mentre il tasso di natalità è basso. In generale gli stranieri rappresentano circa il 11% della popolazione residente; la maggior parte è quella proveniente da Romania(26,4%), Albania(16,4%) e Marocco (10.2%). Quasi Il 70% della popolazione vive in centri con meno di 5.000 abitanti. Il tasso di disoccupazione è ora pari al 12,5% (+ 0,2 punti), valore inferiore alla media nazionale (13%, ‐0,6 punti) ma leggermente superiore a quello medio della ripartizione di appartenenza (12,1%, +0,1 punti) nonché distante dalla media del Nord (9%,‐0,4 punti).

 

 

Le strutture di cura del cancro

Le cure mediche sono fornite principalmente negli ospedali e nei distretti pubblici delle due aziende unità sanitarie locali (USL Umbria 1 e Umbria 2), suddivise a loro volta in 12 Distretti Sanitari di Base (DSB), 36 centri di salute, 2 case della salute Nella regione esistono due Aziende Ospedaliere e 14 ospedali pubblici. In aggiunta, ci sono cinque cliniche private.

I principali centri specializzati di oncologia (compresa l'oncologia clinica, l'oncologia chirurgica, l'oncologia pediatrica, la radioterapia e le branche di ematologia) sono situati nelle due più grandi città centro nella regione, Perugia e Terni (distanza massima da qualsiasi centro nella regione: 55 chilometri).

 

Struttura e metodi del Registro

Il Registro Tumori è gestito dal Dipartimento di Medicina Sperimentale, Sezione di Sanità Pubblica, dell'Università di Perugia.

Il Registro è finanziato dal Servizio Sanitario Regionale mentre il personale e le apparecchiature sono forniti dall'Università. Le fonti usate per l'individuazione dei casi includono le schede di dimissione del paziente dalle cliniche pubbliche e private, le diagnosi dell'anatomia patologica, le schede di dimissione del paziente sottoposto a radioterapia e i certificati di morte. Le informazioni relative ai casi eleggibili (i residenti) vengono estratte dalle cartelle cliniche degli ospedali pubblici e delle cliniche private.

Altre fonti di dati sono i centri di citologia per lo screening del cancro della cervice, l'anamnesi personale del caso e studi indipendenti, le richieste di rimborso per i pazienti curati fuori della regione, gli altri registri tumori e i referti autoptici. Una ricerca particolare (traceback) viene effettuata per i casi di tumore non definito, con sede primitiva sconosciuta, con scheda di dimissione ospedaliera o certificato di morte come unica fonte o quando altre informazioni siano mancanti. La procedura del traceback consiste nel contattare il medico di famiglia e nel riestrarre o ricontrollare le fonti.

Ulteriori dettagli sulle finalità e il funzionamento del RTUP possono essere ricavati dalla pubblicazione: Finalità e funzionamento dei registri tumori di popolazione.

 

Screening oncologici

In Umbria sono attivi tutti i programmi di screening per la prevenzione dei tumori indicati come efficaci nel panorama scientifico nazionale ed europeo, ovvero gli screening per la prevenzione del carcinoma della mammella nelle donne tra i 50 e i 69 anni, del carcinoma della cervice uterina per le donne tra i 25 e i 64 anni e del carcinoma del colon retto per le donne e gli uomini tra i 50 e i 74 anni. Il percorso di screening per giungere a una diagnosi definitiva è completamente gratuito.

 

 

Screening per la prevenzione del tumore della mammella

Tutte le donne in età compresa fra i 50 e i 69 anni sono invitate a sottoporsi alla mammografia di screening ogni due anni.

Dal 2014, saranno invitate a effettuare una mammografia ogni due anni anche le donne tra i 70 e i 74 anni residenti in Umbria, in linea con quanto indicato dalle evidenze scientifiche e dai gruppi di lavoro nazionali.

 

Screening per la prevenzione del tumore della cervice uterina

Tutte le donne in età compresa fra i 25 e i 64 anni, sono invitate a eseguire il test di screening per la prevenzione del tumore della cervice uterina.

Nella nostra regione, a partire dal 2009, anche alle donne tra i 18 e i 24 anni, che accedono spontaneamente presso le strutture pubbliche coinvolte nello screening, è offerto un Pap­test gratuito ogni tre anni per garantire un percorso di diagnosi e trattamento appropriati ed evitare, per questa fascia di età interventi terapeutici inutili ed invasivi.

Il tumore della cervice uterina è il primo tumore che l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha riconosciuto come sicuramente causato da un'infezione virale dovuta ai Papilloma Virus umani (HPV), un gruppo di virus molto diffusi, alcuni dei quali (HPV 16 e 18) sono responsabili di oltre il 70% di tutti i tumori in questa sede. L'infezione persistente con i Papilloma Virus 16 e 18 può causare, infatti, seppur raramente, un tumore della cervice uterina a partire da alterazioni cellulari, che nella maggior parte dei casi regrediscono spontaneamente ma in una piccola percentuale progrediscono fino a diventare un tumore invasivo. La diffusione dell'infezione da HPV aumenta fino ai 25 anni di età per poi regredire spontaneamente nell'80% delle donne, entro i 18 mesi successivi all'infezione. Dopo i 35 anni è stato dimostrato che se l'infezione persiste tende a progredire e può provocare lesioni cellulari precancerose.

In Umbria alle donne tra i 25 e i 34 continuerà ad essere offerto un Pap­test ogni tre anni mentre le donne di età compresa tra 35 e 64 anni saranno invitate a fare il test per la ricerca del Dna di Papilloma Virus Umano, chiamato test di screening con HPV primario, ogni cinque anni.

 

Screening per la prevenzione del tumore del colon retto

Il programma di screening per la prevenzione dei tumori del colon retto è stato avviato in Umbria nel 2006; le persone tra i 50 e i 74 anni sono invitate, ogni due anni, a sottoporsi al test per la ricerca del sangue occulto nelle feci. Le Aziende USL dell'Umbria inviano alle persone in questa fascia di età un kit completo per fare a domicilio e gratuitamente il prelievo del campione di feci per la ricerca del sangue occulto. Nel kit sono contenute anche le istruzioni da seguire sia per il prelievo sia per la restituzione della provetta al Laboratorio Unico di Screening. I soggetti che per tre volte consecutive non abbiano aderito all'invito non riceveranno più il kit per la determinazione del sangue occulto nelle feci ma riceveranno una lettera, con la quale si comunica la possibilità di aderire allo screening ritirando il kit presso i Centri di Salute, le Farmacie o chiamando il Centro Screening dell'Azienda Sanitaria Regionale di appartenenza.

 

Fonte della popolazione

Stime annuali basate sui censimenti 1991 e 2001, tenendo conto delle nascite, delle morti e delle migrazioni, sono prodotte dall'Ufficio Sistemi Statistici (Istituto Nazionale di Statistica - ISTAT).